Lily Greenham

1928

 

Se l'oralitÓ sviluppa sperimentazioni linguistiche ancora riconoscibili secondo il comune codice, la vocalitÓ, invece, si prende delle libertÓ totali, abbattendo ogni regola esistente e infischiandosi di qualsiasi codice esistente. Sono note le corrispondenze letterarie tra suoni vocalici, suoni consonantici e significato sonoro a livello della letteratura scritta, esse incarnano l'apparato retorico che rende la decantata musicalitÓ in un testo scritto. Il poeta sonoro ha diverse piste metodologiche davanti allo sfaccettato mondo consonantico, questa Ŕ una delle tante: siamo di fronte ad un isolamento di ogni singolo fonema, avulso dalla normale catena lessicale, quindi si assiste ad un potenziamento sonoro dello stesso fonema, che forte di una ritrovata purezza, snocciola in serie divagazioni analogiche, come se fosse un discorso di senso compiuto e finito, in realtÓ Ŕ infinito